giovedì 23 febbraio 2012

L'autodidatta e il corso di taglio e cucito

Da che ho iniziato a creare "con regolarità", ho cercato invano nella mia città un corso di cucito creativo.
Sembra impossibile, eppure non ne ho trovato neanche uno, neppure da prenotare!
Quanto realizzo è frutto di ingegno e di esercizio: in pratica sono un'autodidatta, nessuno mi ha aiutata a capire come cucire, come procedere, come assemblare i pezzi e sopratutto, come usare la macchina da cucire (che tanto temevo!).
Mi sarebbe piaciuto (e tuttora mi piacerebbe) avere una guida, specie per certe creazioni (come il cuore di stoffa, ho difficoltà a realizzarlo perfetto!).


Di fatto ho trovato un corso di taglio e cucito.
Anzi, ho notato proprio i giorni scorsi che stanno spuntando come funghi volantini di diverse sarte che si propongono come insegnanti.
Niente di strano, tutt'altro.
Circa due-tre settimane fa i corsi in questione erano solo due: uno costosissimo e, si presume, molto serio, l'altro più economico ma con gli stessi propositi.
Dato il periodo e sopratutto, non essendo ciò che mi interessa veramente creare abbigliamento, ho scelto quello economico; mi serve più che altro apprendere un metodo ed essere un minimo seguita, per capire se sbaglio ed eventualmente dove.

[...tuttavia, di contro, amo disegnare abiti ed esercitarmi come fashion designer, prevalentemente per sollazzo]




Si tratta di un circolo di signore che creano veramente tanti, tantissimi capi, seguite e aiutate da una sarta, la quale con grande pazienza spiega loro come procedere passo passo.
Inutile dire che sono la più giovane...e che la sarta mi ha preso in simpatia per la buona volontà e la voglia di imparare.
Inoltre apprezza i lavori che faccio e si complimenta sempre per le cuciture impeccabili (grande onore per me, visto l'iter personale spiegato sopra).
L'appuntamento è ogni giovedì e dura due ore: si parte scegliendo un modello, si realizza il cartamodello e si taglia la stoffa. Si procede con le varie cuciture, suggerite dalla sarta.
Il capo che si crea ovviamente è a nostra scelta, così come la stoffa.
Dato che non ho mai realizzato nulla nel campo dell'abbigliamento, mi ha fatto partire da una gonna.
Proponeva gonne lunghe, gonne a vita alta oppure longuette...alla fine ho trovato una splendida quanto semplice (...semplice dice lei) minigonna a palloncino, ideale per i gusti e le esigenze (io d'uso, lei d'insegnamento) di entrambe.


Ho scelto la stoffa a quadri che avevo ordinato a gennaio su internet: richiama la fantasia della kefiah che uso.
In origine volevo creare qualcosa da abbinare proprio alla sciarpina: un accessorio o provare a fare una cravatta, poi l'idea del gilet e infine...beh, una minigonna!



Guardando Sanremo, son rimasta di stucco nel vedere una stampa simile sull'abito di Nina Zilli, quello indossato per la premiazione dell'Eurovision Song Contest.
Tanto che, se avanza (e ne avanza) stoffa sufficiente, proporrò alla sarta anche un abito simile.
Devo solo trovare il modello :p
Intanto progetto qualche accessorio, tutto nel mio stile ^^


Tornando al corso, l'ambiente è sereno e creativo: le signore sono simpatiche e divertenti, è decisamente piacevole parlare con loro.

Per ora ho seguito solo due incontri (sono iscritta dal 9 febbraio) e la gonna è ancora "scomposta".
Domani ho la terza lezione e di mattina farò i compiti per casa (punto lento su tutti i margini del cartamodello) :)


PS: La minigonna la trovate su La mia Boutique n.5 Maggio 2011

4 commenti:

  1. che bello ....hai fatto bene aseguire un corso.... io ho la mia mamma sarta e quando ero piccola stavo le orea guardare passo passo la nascita dei vari modelli....ora ci provo io, cerco di mettere in campo i ricordi dei suoi movimenti, ma ogni tanto devo alzare bandiera bianca e chiedere aiuto
    buon lavoro
    saluti
    P:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti credo, dal mio punto di vista, che creare abbigliamento sia tra le cose più complicate...a modo mio, lo temo pure!
      Però dai, essendo seguita, spero di realizzare qualcosa che si possa anche indossare! :)
      A presto ^^

      Elimina
  2. Guardando il tuo blog devo dire che come autodidatta sei veramente molto brava e che il corco a cui ti sei iscritta sicuramente può a iutarti a migliorare.
    Che dirti se non ... buon lavoro e continua su questa strada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Spero davvero mi possa aiutare ad avere un metodo, anzi IL metodo giusto!
      A volte ho pensato di abbandonare questo hobby, così costoso (per me almeno) e così impegnativo e complicato al tempo stesso, ma poi, quando interrompevo, avevo già in mente altri esperimenti di cucito creativo e dunque, per ora, ancora c'è la voglia e la buona volontà :)
      Forse il corso è arrivato al momento giusto ^^
      Grazie Stefania :)
      A presto

      Elimina