mercoledì 9 gennaio 2013

L'Epifania tutte le feste si porta via...

9 Gennaio 2013

Si, lo so...
l'Epifania tutte le feste si porta via.
Dunque questo post è in ritardo.

Ma dovete sapere che proprio il 6/01 la mia scopa non partiva, dunque ho consegnato dei piccoli doni il 7 sera, motivo per cui pubblico solo ora.

Con solenne impegno ho provato a realizzare per la prima volta delle calze e questi sono i risultati:


Dichiaro sin da subito che creare borse per me è meno complicato, più piacevole e più semplice rispetto alla realizzazione di calze in questo caso, ma in generale di qualsiasi altro accessorio.
Non so se sia dovuto al mio Amore assoluto per le borse e per le stoffe, oppure più semplicemente sia dovuto al fatto che sono più avvezza a dedicarmi totalmente ad esse, fatto sta che qualsivoglia accessorio mi richiede più concentrazione, più impegno e più tempo rispetto alle prime.
Inoltre avrei voluto realizzare "calze per tutti", dunque anche per altri amici e per i miei familiari...ma solo queste tre mi hanno occupato l'intera giornata, quindi, come dire, ho abbandonato l'idea accontentandomi di loro!


Sono partita da un disegno che ho fatto io su cartoncino; non amo i cartamodelli di calze disponibili in rete perchè hanno sempre o la punta troppo scesa (che dettaglio negativo!), oppure troppo corta o ancora troppo larga e irreale.
Dunque armata di matita e di forbici ho realizzato "la mia calza della Befana" ideale, come l'ho sempre immaginata io.
Troppo realistica?
Troppo fantasiosa?
Troppo strana?
Le calze son venute così, ognuna con un aggettivo differente in quanto tutte e tre diverse le une dalle altre!
Alla fine, benchè ci abbia lavorato per una giornata intera, son soddisfatta e consapevole che sono strane e diverse ^_^


Il prototipo, la prima che ho creato l'ho fatta per noi.
L'ho imbottita con ovatta piatta, quella che si usa per le custodie in generale.
Ho compreso che per i dolci e regalini vari che volevo donare ed inserire all'interno, le dimensioni stabilite erano eccessivamente ridotte rispetto alle mie esigenze.


Di conseguenza ho tagliato altra stoffa e l'ho realizzata enorme...


...così grande che questa con i dadi è venuta più grande dei miei stessi stivali (e voglio dire, porto il 38/39...).
Ma la sua grandezza è giustificata non solo dal contenuto (l'ho veramente riempita di dolci e regalini vari) ma anche dalla sua stessa funzione.
Si tratta infatti di una calza-cuscino poggiatesta.


La stoffa con i dadi l'ho ordinata dall'Inghilterra ed è firmata Alexander Henry <3
A differenza della prima, questa calza l'ho imbottita con l'ovatta tipica dei cuscini, dunque è morbidissima e gonfissima!
Le foto della calza-cuscino ultimata le ho scattate pochi minuti prima di uscire per la consegna, di fretta e furia tra l'altro (mi scuso per la scarsa qualità degli scatti), dunque la vedete già bella e infarcita di tutto ^^


La calzona-cuscino l'ho creata apposta per il mio migliore amico, tuttavia ho pensato anche alla sua stupenda piccola nipotina.
Per la piccolina ho scelto colori delicati e stoffe "baby"; questa volta la calza non l'ho imbottita di ovatta (stoffa su stoffa) ma solo di dolci.


Ho creato e aggiunto una piccola gattina come chiudi-calza.
Era da tanto tempo che volevo realizzare un "basic pillow" con il musetto semplice semplice di una micetta, il tutto mantenendo però la forma quadrata (adoro...).
Essendo per una pupa di due anni circa, non ho voluto aggiungere ne fiocchi, ne nastri e men che meno l'anello portachiavi.
Diciamo che è il primo di un piccolo progetto e per la prima volta ho donato il prototipo di una mia creazione!
Sono abituata a tenere per me le primissime, le "numero 1" di una serie e devo dire che son contenta stavolta di aver trasgredito alle mie stesse regole, ancor più per una bimba, per Lei! ^^




Ma non è finita qui...ho pensato anche alle altre donne di casa sua ed ecco che due polletti, uno tradizionale e l'altro Fluo, hanno preso il volo verso due nuove padrone ^_^


Volete sbirciare nel sacco della Befana creativa-ritardataria?
Ecco qui il sacco!


Prego, accomodatevi ora a casa mia.
Ho tanti dolci da offrirvi!
Quello che vedete è l'ingresso di casa, il 6/01 mattina.
Come ho avuto modo di scrivere in un post precedente, la vera Befana è arrivata per tempo.
Da noi la Befana ha sempre portato oltre ai dolci (ci sono, solo che non si vedono!), anche oggetti utili quali pantofole, reggiseni (!) ma altri anni pigiami, libri, fondotinta e vi è anche un bel fornetto per me da usare esclusivamente con il Fimo.
Lo so, l'albero è piccolo e un pochetto spoglio ma nessuno aveva voglia di farlo e dunque è opera di un dolcissimo angelo che ha voluto regalare per l'ennesimo anno il clima giusto a questa casa.
Onestamente quest'anno non ho sentito molto la festa e il clima natalizio, inoltre in generale rientro in quella categoria di persone a cui il Natale mette malumore.
Ecco perchè ringrazio l'angioletto femminile che ha avuto la pazienza e la volontà di far tutto da solo, con tanto di presepe dotato di muschio vero.
Per la cronaca, anche l'albero è vero e proprio oggi, sono andati a piantarlo nel terreno.
Ieri invece abbiamo (ho collaborato) disfatto e conservato tutto ^^

Ma non siate timidi!
Vi mostro anche il nostro presepe e tutto il resto.
Per quanto magari non creda più, son cose comunque legate alle nostre tradizioni.










Con questo è tutto, posso archiviare "il capitolo Feste" anche nel blog!

A prestissimo ^_*

4 commenti: